Sebbene molte persone dicono di aver fatto buone esperienze con il CBD, ci sono anche persone che non notano assolutamente nulla dopo l’assunzione. Di solito ciò non è dovuto al CBD in sé, ma all‘assunzione sbagliata. In questo articolo abbiamo riassunto 7 possibili motivi per cui l’assunzione del CBD non ha successo.

Perché non noto degli effetti dopo aver assunto il CBD?

I vostri amici vi raccontano delle esperienze meravigliose che hanno fatto con il CBD e che ora si sentono meglio? Anche sui giornali si leggete di atleti di alto livello che giurano sul CBD per migliorare le loro prestazioni. Le aspettative sono alte quando l’olio arriva finalmente a casa. Pieni di speranza, prendete le prime gocce di CBD e cosa succede? Subito dopo non succede niente.

Molti dimenticano che il CBD è un prodotto naturale della pianta di canapa e non un miracolo o un medicinale. In generale i prodotti naturali richiedono un certo periodo di assunzione regolare per ottenere un eventuale successo.

Non arrendersi

Quindi, se non notate nessun effetto direttamente dopo aver preso le gocce o le capsule, non dovete subito arrendervi. Anche se all’inizio è frustrante, ci sono diversi punti che possono aiutarvi a raggiungere l’obiettivo salutare. Ecco 7 possibili motivi per cui potreste non notare gli effetti del CBD. .

7 motivi possibili perché non si notano degli effetti

7 motivi per cui l'assunzione non mostra dei risultati

  1. Poca pazienza
  2. Concentrazione o dosaggio incorretti
  3. Assunzione irregolare
  4. Assunzione scorretta
  5. Bassa qualità del prodotto
  6. Forma di assunzione inadatta
  7. Genetica

Poca pazienza

Da quanto tempo assumete il prodotto? L’impazienza è una delle ragioni più comuni che il CBD non mostra i suoi effetti. Visto che il cannabidiolo è un prodotto naturale, può passare del tempo prima che si manifestino i primi effetti. „Solo dopo un mese di assunzione ho notato i primi effetti.“ Questa è una frase che sentiamo spesso degli utenti, i quali volevano smettere l’assunzione già dopo i primi giorni, perché non sentivano dei cambiamenti o effetti.

Quindi non arrendetevi subito e continuate con l‘assunzione. Spesso ci mette da 2 a 3 settimane prima che il corpo si abitui al prodotto naturale e si abbia trovato l’assunzione ideale e il dosaggio corretto. Questo ci porta al secondo punto: la concentrazione e il dosaggio ideali.

Concentrazione o dosaggio sbagliatio

A seconda della tematica è necessaria una concentrazione o un dosaggio diverso. Per ottenere dei risultati in molti casi la soluzione è quella di adattare il numero delle gocce, e se necessario cambiare la concentrazione. Per iniziare è meglio attenersi alla dose raccomandata indicata sul prodotto, perché è il metodo più efficace. Se necessario, abbassate il dosaggio raccomandato finché troviate la dose ideale.

Se non siete sicuri di questi punti, rivolgetevi al nostro servizio clienti. Il personale del servizio clienti ha tanta esperienza con il CBD e può aiutarvi a risolvere il vostro problema.

Avete paura di sovraddosare il CBD? Anche in questo caso potete essere traquilli. Considerando alcuni punti non dovete preoccuparvi di conseguenze inaspettate.

Assunzione irregolare

Il consumo irregolare potrebbe essere un’altra ragione per l’insuccesso dell’uso del CBD. Soprattutto all’inizio, è importante attenersi alla routine CBD per due o tre settimane. Durante questo periodo, si svilupperà una sensibilità per il giusto dosaggio e la corretta utilizzazione. In questo modo, sarete in grado di valutare meglio come e quando l’assunzione è più utile.

A seconda della tematica è importante che i prodotti vengano assunti la mattina o la sera prima di andare a letto. Per i problemi del sonno, ad esempio, si consiglia di assumere i prodotti regolarmente nel tardo pomeriggio e prima di andare a letto, mentre per altri disturbi è consigliato prenderli sia la mattina che la sera o solo la mattina. Anche in questo caso può essere utile consultare il servizio clienti.  

Assunzione incorretta

Mettete l’olio sotto la lingua e aspettate da 30 secondi a un minuto prima di deglutirlo? In caso contrario, questo potrebbe essere il motivo per cui non notate degli effetti. Affinché il CBD dispieghi le sue proprietà equilibranti e rilassaanti nel modo più rapido e ottimale possibile, si raccomanda di metterlo direttamente sulla mucosa orale. A chi non piace il sapore, le capsule sono un’alternativa perfetta agli oli. Vengono assorbiti attraverso la mucosa gastrointestinale. Il video seguente illustra la corretta assunzione dell’olio CBD.

Video: CBD Vital - L'assunzione e la conservazione corretta degli oli CBD

State prendendo anche dei farmaci? In questo caso possono comparire interazioni che possono influenzare agli effetti del CBD. Discutete l’assunzione combinata con il vostro medico. Tuttavia l’olio CBD va assunto a distanza di 2-3 ore dall’assunzione del medicinale.

Bassa qualità del prodotto

Un altro ruolo particolarmente importante gioca la qualità del prodotto. La purezza delle materie prime e il metodo di estrazione o il processo di spremitura sono decisivi per il contenuto di CBD e la biodisponibilità del prodotto. Quindi è raccomandato scegliere l’olio di CBD da produttori affidabili che mettono a disposizione certificati d'analisi di laboratori independenti [1].

Questi danno informazioni sul contenuto dei cannabinoidi nell‘olio. I prodotti di bassa qualità potrebbero avere un basso contenuto di CBD o essere contaminati, anche se dichiarati diversamente. Accanto ad un’assunzione sbagliata, una bassa qualità rappresenta pure un rischio per la salute. Pertanto prestate particolare attenzione alla qualità.

Forma d'assunzione inadeguata

Siete sicuri di aver già trovato il prodotto giusto per il vostro obbiettivo salutare? Non tutti gli oli CBD sono uguali. Sostanzialmente si può distinguere tra oli isolati e oli a spettro completo. Questi ultimi contengono altre sostanze vegetali oltre al CBD. Gli oli a spettro completo utilizzano il cosiddetto „effetto entourage terpenico“. Gli ingredienti si completano a vicenda e dovrebbero portare a risultati migliori. Un cambiamento dell‘olio potrebbe essere la soluzione.

Puntate su effetti sinergici: Combinare il CBD in combinazione con altri micronutrienti si rivela utile. Nella categoria Canapa ONLY si trovano complessi di micronutrienti mirati per diversi argomenti. Questi possono completare idealmente le proprietà del CBD.

Stile di vita e genetica

Generalmente alcune persone sono più sensibili di altre – reagiscono in modo più sensitivo a influenze esterne, come lo stress, la mancanza di sonno, il disagio e così via. Tutti questi fattori hanno un effetto sul funzionamento del sistema endocannabinoide e sulla produzione dei nostri cannabinoidi. Sapevate che il corpo produce i suoi propri cannabinoidi?

I cannabinoidi dell’organismo, come il CBD, si agganciano ai diversi recettori del sistema endocannabinoide e si occupano dell’equilibrio. Si presume inoltre che il numero di recettori varia da persona a persona, il che può influire sui risultati. Questo ci porta al penultimo argomento: Capire le basi del CBD.

Avere una panoramica sulle basi

Per poter utilizzare il CBD in modo ottimale, è consigliabile conoscere le basi della sostanza naturale CBD, per esempio come funziona il sistema endocannabinoide. Da questo sistema derivano i vari benefici del CBD [2].

Avere una panoramica sulla basi

Consultare il servizio clienti

Anche se è già stato menzionato più volte nel corso di questo articolo: Approfittate dell’offerta dello servizio clienti gratuito. Il personale del servizio clienti si occupa ogni giorno di argomenti diversi e può trasmettervi una combinazione unica di competenze scientifiche e esperienze di altri clienti. Chiamateci direttamente o scriveteci una mail a [email protected]. Ci occuperemo velocemente della vostra richiesta.

Fare delle notizie

Il „Journaling“ è molto di moda. Il metodo aiuta ad attenersi alla routine del CBD, soprattutto all’inizio, e a ottenere una panoramica migliore degli effetti. Per fare questo potete comprare un piccolo quaderno o un’agenda nel quale notate i motivi dell’assunzione di CBD, i risultati desiderati, il prodotto e la concentrazione che state usando e rispondete ogni giorno alle seguenti domande:

  • Quando ho assunto il prodotto? (mattina/mezzogiorno/sera)
  • Quante gocce ho assunto?
  • L’assunzione è coincisa con quella di altri integratori (alimetnari)?
  • Come sto oggi?

Riflettere le domande aiuta a trovare la propria routine CBD ideale.

Conclusione

„Imparare facendo“ è anche il motto del CBD. Non esiste una ricetta generale/regola generale per i prodotti naturali. Ogni persona è individuale e le esperienze con il CBD sono altrettanto uniche. Alcuni mettono settimane o mesi per trovare il dosaggio e la forma d’assunzio più adatto a se stessso, altri invece ci mettono soltanto pochi giorni. Di solito vale la pena provarci anche se può essere un percorso impegnativo. Il trucco consiste nel conoscere meglio il proprio corpo e nel saper usare corettamente il CBD. Scoprite il potenziale dei prodotti CBD naturali di massima qualità per il vostro benessere.

Fonti

[1] Pavlovic et al. (2018). Quality Traits of “Cannabidiol Oils”: Cannabinoids Content, Terpene Fingerprint and Oxidation Stability of European Commercially Available Preparations. 23(5): 1230. Download del 30 aprile 2021 [fonte]

[2] Leinow, L. & Birnbaum, J. (2019). Heilen mit CBD. Das wissenschaftlich fundierte Handbuch zur medizinischen Anwendung von Cannabidiol.