Un team di ricercatori dell’Università federale di Rio de Janeiro in Brasile ha individuato il fitocannabinoide cannabidiolo (CBD) nella pianta Trema Micrantha, originaria del Sud America.

Team di ricercatori ha scoperto il CBD in una pianta sudamericana

La Trema Micrantha non è la prima pianta in cui è stato rilevato il fitocannabinoide. I ricercatori del Weizmann Institute of Science in Israele hanno recentemente scoperto la presenza di oltre 40 fitocannabinoidi nelle foglie dell‘Elicriso (Helichrysum umbraculigerum), gli stessi prodotti dalla pianta della canapa. Nella pianta sono state individuate quantità elevate di cannabigerolo (CBG) ma non di cannabidiolo (CBD) o di Tetraidrocannabinolo (THC). Inoltre, i ricercatori hanno trovato nel fiore giallo una dozzina di fitocannabinoidi ancora sconosciuti.

Bestseller
CBDVITAL Naturextrakt Premium 10% - Vorderansicht
Valutazione:
(12)
  • CBD spettro completo bio
  • 1000 mg di CBD attivo per 10 ml
  • Sapore delicato di noce
  • Con olio di semi di canapa bio
  • Per benessere & vitalità

Trema Micrantha: una nuova fonte di CBD?

Secondo un rapporto online, il team di ricercatori brasiliani ha rilevato il fitocannabinoide cannabidiolo (CBD), privo di effetti psicotropi, nei frutti e nei fiori della pianta Trema Micrantha. Questo piccolo albero o arbusto raggiunge un'altezza massima di dieci metri ed è molto diffuso nelle regioni tropicali del Sud America. Gli alberi crescono nelle prossimità dei laghi, ai margini dei boschi e lungo le strade. La chioma a forma di ombrello della pianta è circondata da foglie ovali e fiori bianco-verdastri, da cui si sviluppano i frutti rosso-arancione brillante.

“L’analisi chimica ha rivelato che la Trema Micrantha contiene CBD ma non THC, caratteristica che la rende una possibile nuova fonte di CBD. Una fonte che non dovrebbe affrontare gli ostacoli legali e normativi imposti alla canapa, tuttora vietata in molti paesi compreso il Brasile”, dichiara il biologo molecolare Rodrigo Moura Neto secondo il rapporto online.

Neto ha aggiunto che la Trema Micrantha è una pianta che cresce ovunque in Brasile, rendendola una fonte di cannabidiolo più facile ed economica della canapa.

Il team di ricercatori pianifica un nuovo studio

Neto non ha ancora pubblicato i risultati della sua ricerca. Tuttavia, secondo il rapporto, ha intenzione di approfondire il suo studio per determinare i metodi migliori per estrarre il CBD dalla pianta e analizzare la sua efficacia nei pazienti attualmente in terapia con cannabis terapeutica.

Neto avrebbe ricevuto una sovvenzione di 104.000 dollari dal governo brasiliano per permettere il proseguimento degli studi, la cui durata stimata è di almeno cinque anni.

Conclusione

Sebbene i cannabinoidi presenti in altre piante siano un interessante campo di ricerca, è importante sottolineare la particolare importanza del CBD derivato dalla canapa. Oltre ai numerosi benefici per il benessere e al gran numero di studi sul CBD condotti, il cannabidiolo ricavato dalla canapa offre anche un'opzione sostenibile, sicura e regionale per la produzione di prodotti a base di CBD. Tuttavia, la scoperta di cannabinoidi in piante diverse dalla canapa sottolinea l'immensa diversità della natura. Tuttavia, quest'area di ricerca è ancora agli inizi ed è evidente la necessità di ulteriori studi e indagini per garantire sicurezza ed efficacia.

Fonti

[1] Berman, P. et atl. (2023). Parallele Evolution der Cannabinoid-Biosynthese. Nature plants. [Quelle]

[2] Scientists Find Cannabis Compound Inside a Totally Different Plant. [Quelle]