Il cambiamento climatico è reale: ogni dieci anni il riscaldamento globale indotto dall’uomo aumenta di 0,2°C. L’uso di materiali alternativi regionali per l’abbigliamento, il carburante, i materiali da costruzione, la carta e la plastica deve per forza diventare una norma. La canapa è uno di questi materiali alternativi. Scopri come questa materia sostenibile contribuisce alla protezione del clima.

Canapa e ambiente - una connessione forte

Canapa, sostenibilità e protezione del clima – tre termini diversi che hanno una cosa in comune. Negli ultimi anni sono andati sempre di più nel centro del nostro interesse. Uno stile di vita sostenibile ha sempre più importanza per tanta gente. Per raggiungere gli obbiettivi climatiche e energetiche dell’Europa è necessario che ognuno di noi ci dia un proprio contributo. Soprattutto nell’usare alternativi naturali si può cambiare tanto. Uno di questi alternativi sostenibili è la canapa.

Sapevi che...

  • la canapa è ecologica? Cresce in quasi tutti i climi/ogni clima, non richiede l’uso di pesticidi e migliora il terreno.
  • in confronto al cotone la canapa fornisce 2-3 volte più fibre? Ma senza l’uso di pesticidi e l’inquinamento del terreno e delle acque sotterranee.
  • i tessuti di canapa sono particolarmente resistenti allo sporco rispetto al cotone? Inoltre, i tessuti sono più caldi e assorbenti.
  • per produrre la carta di canapa non devono essere atterrati numerosi alberi? Questa alternativa cartacea ecologica è molto più resistente e può essere riciclata molto più spesso della carta convenzionale.
  • procurare dei medicinali è quasi la più grande impronta climatica nel settore sanitario? I prodotti naturali a base di CBD sono un’alternativa ecosostenibile.
  • si può produrre la plastica dalla canapa? La plastica a base di canapa è biodegradabile, non tossica e molto durevole.
  • la canapa può essere usata come energia alternativa e materiale da costruzione?

Il contributo della pianta di canapa a un bilancio negativo di CO<sub>2</sub>

Il contributo della pianta di canapa a un bilancio negativo di CO2

Impatto sull'ambiente delle coltivazioni della canapa

La canapa è considerata una pianta semplice e ecologica. È poco suscettibile ai parassiti e impiega solo fino a 120 giorni dal seme al raccolto, a seconda dello scopo per cui viene coltivata. Visto che la canapa cresce così velocemente e ha una struttura di foglie abbastanza compatta/densa, è in grado di spostare l’erbaccia. L’uso di erbicidi non è quindi necessario.

„Buono per l'ambiente e risparmio di tempo per il contadino.“

Un altro vantaggio della canapa è che ha un’alta auto tolleranza. Può essere coltivata più volte sullo stesso campo e migliora la qualità del terreno. I metalli pesanti vengono tirati fuori.

„La canapa è meno suscettibile all’aridità di altre piante.“

Le radici profonde delle piante arrivano fino all’acqua in strati più profondi del terreno. Questo è un punto particolarmente importante per quanto riguarda il cambiamento climatico e i periodi di siccità sempre più lunghi. Le radici lunghe permettono alla pianta di canapa di immagazzinare CO2 nel terreno - un totale di 300 kg per tonnellata di materiale vegetale [1].

Un ettaro di canapa è efficiente quanto un ettaro di foresta pluviale, dice l'European Hemp Association.

Coltivazione sostenibile della canapa

La canapa come prodotto alimentare

La canapa è un vero superfood, è ricco di proteine, ben digeribile e fornitore di nutrienti. L’olio di canapa fornisce preziosi acidi grassi omega-3 e omega-6 e ha un ideale profilo di acidi grassi. Rispetto all’avocado o ai semi di chia, non ci sono necessari lunghe vie di trasporto in areo. La canapa è privo di glutine e ideale per diete speciali.

I vestiti sostenibili fatti con la canapa

Viviamo nell’epoca fast fashion. Oggi la produzione e lo smaltimento degli vestiti usati sono molto alti. Questo ha un impatto negativo sull’impronta di carbonio. Attualmente, circa l’80% dei vestiti è fatto con fibre sintetiche a base di petrolio. Il loro riciclaggio e smaltimento è molto dannoso per l’ambiente. Ma pure i vestiti fatti di cotone sono un enorme peso per l’ambiente. A livello globale, circa il 25% degli insetticidi e il 10% dei pesticidi sono utilizzati per coltivare il cotone. Nemmeno il cotone biologico è privo di insetticidi e pesticidi [1].

Sapevi che il termine bio non è protetto nell’industria tessile? Non ci sono standard per il suo uso.

La canapa è chiaramente in vantaggi rispetto al cotone. La pianta è meno suscettibile ai parassiti, può essere coltivata in modo ecologico e cresce velocemente. Il rendimento è tre volte superiore a quello del cotone e serve meno acqua [1].

I vestiti sostenibili fatti con fibre di canapa

Oltre a un maggiore assorbimento di CO2, passare ai vestiti fatti di canapa significa anche passare a vestiti di alta qualità che con irritano la pelle e che sono molto più durevoli. Questi aspetti relativizzano il prezzo alto dei tessuti a base di canapa [1]. Principalmente i vestiti di canapa sono privi di sostanze chimiche i quali entrerebbero nel ciclo alimentare attraverso le acque di scarico durante i processi di lavaggio.

La canapa come combustibile e materiale da costruzione del futuro

La canapa è anche usata come combustibile alternativo e materiale da costruzione. La costruzione di edifici e strade causa una gran parte delle emissioni di CO2, come anche il mantenimento di appartamenti, uffici, ecc. Nel settore delle costruzioni la canapa ha un grande potenziale. La pianta non è solo prodotto e lavorata a livello regionale, ma può anche essere smaltita facilmente. Tanti altri materiali da costruzione hanno un grosso problema: sono classificati come rifiuti pericolosi.

Le stuoie di canapa sono utilizzate come materiale isolante per pareti, tetto e pavimento o il calcestruzzo di canapa. Quest’ultimo è più debole del calcestruzzo convenzionale, ma può essere usato come riempimento in ponteggi di legno. Principalmente i residui vegetali vengono trasformati in materiali da costruzione. In questo modo si può approfittare di tutta la pianta.

Sapevi che la Porsche ha costruito la prima macchina da corsa al mondo con una carrozzeria fatta di canapa? È più ecologico ed è simile ai materiali tradizionali in fibra di carbonio per peso e rigidità.

Già nel 1941, Henry Ford sviluppò una macchina il cui carburante era fatto da canapa – fino a quando non tornarono al petrolio. Le alternative di carburante a base vegetale sono comunque un peso per l’ambiente. E la canapa può essere utilizzata in modo molto più efficiente [1].

La canapa come alternativa ecologica alla carta

Giornali, libri, carta igienica e così via. Per produrre la carta per usi commerciali si ha bisogno della metà del legno tagliato sul pianeta. La WWF dice che gli Europei e Nord Americani, che sono soltanto il 10% della popolazione mondiale, consumano circa la metà dei prodotti [2]. La carta fatta con la canapa è un modo per salvare le foreste. La canapa cresce molto più velocemente di un albero – e il terreno può essere ripiantato direttamente dopo. La carta di canapa è più resistente e può essere riciclata più spesso [1].

Sapevi che noi di CBD VITAL spediamo i nostri oli di CBD bio in scatole di cartone riciclato al 100%? Anche il materiale di riempimento è fatto di carta ed è ecologico e biodegradabile.

Hanf als Alternative zu Kunststoff und Papier

Produrre plastica dalla canapa

La plastica sta diventando un problema sempre più grande per l’ambiente. Di 8,3 miliardi di tonnellate di plastica prodotte nel 2015, solo il 9% è stato riciclato. Quasi l’80% è stato depositato nel mare o in altri posti. È necessario considerare delle alternative. Anche se esistono già delle (materie) plastiche a base biologico e biodegradabili, il petrolio è ancora usato nella produzione della plastica. La plastica a base vegetale fatta dalla canapa potrebbe ridurre l’uso del petrolio [1].

La canapa come alternativa naturale per migliorare il benessere corporeo

Ormai tanti anni fa la cannabis è stata usata nella medicina. Con il sorgere dell’industria farmaceutica la pianta è tornata in secondo piano. Nel mercato sanitario l’impronta ecologica dei farmaci costituisce una parte abbastanza grande. I residui farmaceutici possono essere pure misurati nelle acque reflue che entrano nell’ambiente attraverso gli scarichi. I cannabinoidi, come per esempio il CBD, possono essere usati come alternativa complementare e di supporto ai rimedi convenzionali. Per migliorare il benessere e ridurre il peso per l’ambiente [1].

Ci sono degli svantaggi nella coltivazione della canapa?

Rispetto al cotone e altro, la raccolta della canapa è più complessa. Sono necessarie macchine speciali per lavorare le fibre stabili della pianta. Gli attrezzi convenzionali dovrebbero essere adattati. Anche se la pianta di canapa in sé è molto robusta non è molto adatta al trasporto a causa della sua grandezza. In termini di sostenibilità la canapa dovrebbe essere prodotta e lavorata direttamente sul campo di coltivazione in modo da non dover percorrere prima altri chilometri [1].

Tutti possiamo fare qualcosa contro il cambio climatic

È ormai chiaro che gli esseri umani sono i principali responsabili del riscaldamento globale e del cambio climatico. E stiamo già sentendo le prime conseguenze: eventi meteorologici estremi, come alluvioni o incendi boschivi, sono attualmente più frequenti che mai. Ma anche il ghiaccio nell’Artico e nell’Antartico si sta sciogliendo e di conseguenza il livello del mare si sta alzando. Una cosa è certa: le emissioni di gas serra devono essere ridotte immediatamente.

Se non si interviene presto, il limite di 1,5 gradi del riscaldamento globale sarà irraggiungibile, come si legge nel Rapporto dell’IPCC (Commissione Intergovernativo sul Cambiamento Climatico) [3].

Conseguenze dratsiche del cambiamento climatico

Il cambiamento climatico colpisce tutto il mondo. Il livello del mare si sta alzando, i ghiacciai si stanno sciogliendo ed eventi meteorologici gravi sono ormai una realtà. I paesi in via di sviluppo sono i più colpiti – vivono del loro ambiente naturale e delle loro risorse. Ma anche molte specie di piante e animali riescono a malapena ad adattarsi e sono in via di estinzione. La salute e l’esistenza di molte persone sono messo in pericolo a causa del cambio climatico [4].

Ma chi o cosa è responsabile per il cambio climatico? I principali responsabili del cambiamento climatico sono i cosiddetti gas serra. Questi gas intensificano l’effetto serra e il riscaldamento globale.

I gas serra sono i principali responsabili del cambio climatico

Cause del cambiamento climatico: le emissioni di anidride carbonica come causa principale?

In generale, l’effetto serra naturale assicura temperature piacevoli sulla terra. Senza di esso, sul nostro pianeta farebbe un freddo cane. Con l’industrializzazione la concentrazione di gas a effetto serra aumenta fortemente. Il protocollo di Kyoto nomina un totale di 6 gas a effetto serra. Le concentrazioni di gas che si sono aumentate fortemente sono in particolare

  • Anidride carbonica (CO2)
  • Metano
  • Protossido di azoto
  • Gas fluorurati [5]

La concentrazione di anidride carbonica è particolarmente alta. La CO2 in sé non è dannoso, ma la quantità del gas nell’atmosfera della terra. Troppa CO2 nell’aria fa sì che riscaldi molto più di quanto dovrebbe. Attualmente il peso di CO2 è decisamente troppo alto. È causato principalmente dall’uomo ed è considerato la causa principale del riscaldamento globale.

La CO2 è prodotta in gran parte dalla combustione di combustibili fossili, dalla deforestazione e l’allevamento.

La Commissione Europea ha annunciato che dal 2011 al 2020 è stato il decennio più caldo fino ad oggi. L’obiettivo è quello di mantenere il riscaldamento globale sotto ai 2°C e di limitarlo a 1,5°C. Se le temperature aumentano di 2°C rispetto all’epoca preindustriale, questo avrà gravi conseguenze per l’ambiente e il benessere umano.

Conclusione

La strada da percorrere per combattere il cambiamento climatico è ancora lunga e dura, ma dobbiamo agire ora. Non dobbiamo lavorare contro, ma fare in modo che sia possibile vivere ancora tanti anni sulla nostra terra. La canapa è una materia prima sostenibile che può essere coltivata quasi ovunque ed è in tanti modi un’alternativa per l’ambiente. Il suo uso è molteplice: sia per produrre la carta, la plastica o come alternativa naturale alla medicina tradizionale. È arrivato il momento di pensare a materie prime alternative e sostenibili. La canapa offre possibilità promettenti per poter arrivare a un mondo sostenibile e ecologico e combattere il cambio climatico.

Fonti

[1] Takats, J. (2021). Das kleine Buch vom Cannabis. Was man darf. Wie es wirkt. Wann es hilft. Heyne Verlag: München.

[2] Biancatelli, Lucio. (2013). L'impronta ecologica della carta. Download del 15 settembre 2021 [Fonte]

[3] Nadotti, Cristina. (2021). Il rapporto Onu: "I cambiamenti climatici sono diffusi, rapidi e si stanno intensificando". Download del 14 settembre 2021 [Fonte]

[4] Commissione europea (s.a.). Le conseguenze dei cambiamenti climatici. Download del 14 settembre 2021 [Fonte]

[5] Commissione europea (s.a.). Cause dei cambiamenti climatici. Download del 14 settembre 2021 [Fonte]

Vera Ecker, BA, MA

Autore

Vera Ecker, BA, MA

Vera Ecker, BA, MA è laureata in amministrazione sanitaria nel turismo. Il tema della salute ha un grande valore nella sua vita – sia nell’ambito professionale che privato. Le sta particolarmente al cuore trovare metodi alternative e complementare per il promovimento sanitario e la prevenzione. Per questo è anche...